News

Stipula online la polizza trasporto merci

Le possibilità per gli intermediari di trasporto di minimizzare il rischio della perdita di merci per sottrazione indebita del carico

martedì, 16 agosto 2016

Massima allerta a fronte della presenza di associazioni a delinquere e bande professionali dedite alla criminalità organizzata per mezzo di trasportatori fantasma!

Massima allerta a fronte della presenza di associazioni a delinquere e bande professionali dedite alla criminalità organizzata per mezzo di trasportatori fantasma!

Si leggerebbe come un avvincente romanzo criminale se non fosse che la storia si è purtroppo già più volte concretizzata nel cuore dell'Europa, traducendosi in un'amara realtà per il settore trasporti.

Nel corso dell'ultimo decennio, sedicenti autotrasportatori dell'Est Europa hanno indebitamente sottratto preziosi carichi di rame per valori dell'ordine di centinaia di milioni di Euro.

Le identità delle imprese criminali e dei veri titolari vengono occultate servendosi di diversi trucchi, come il passaggio di proprietà e la cessione di aziende oltre che con il ricorso a società di comodo e la sostituzione dei nominativi degli amministratori sul registro delle imprese commerciali. Le indagini sull'uso di prestanomi hanno condotto addirittura agli ambienti dei senzatetto di Budapest. L'Interpol indaga in tutta Europa sui mandanti di queste operazioni.

Ma i giochi si sono spinti oltre. Di recente non veniva solo simulata l'esistenza di un'azienda di trasporti ma è stato addirittura sfruttato il nome di un'azienda realmente esistente. Con un'ampia preparazione sulle informazioni concretamente richieste per la verifica delle subimprese di trasporto, i criminali hanno giocato d'anticipo, fornendo già prima i documenti richiesti dal committente ovvero approfittando di dati conosciuti tratti da operazioni passate.

Lo scorso anno pubblicammo su questa pagina una checklist per la verifica della regolarità delle subimprese di trasporto alla prima assegnazione di un carico. Lo scopo era di prevenire appropriazioni indebite di merci. Alla luce degli ultimi, incresciosi fatti ci vediamo ora costretti a ribadire l'importanza di quelle che avevamo formulato come raccomandazioni non vincolanti.

Quali sono i documenti che l'azienda criminale forniva su richiesta?

Oltre a un'autentica licenza di trasporto UE, veniva presentato un certificato aggiornato di assicurazione CMR con possibilità di verificarne telefonicamente la validità presso la relativa compagnia di assicurazioni. Quindi un'iscrizione sul Registro delle Imprese Commerciali, esistenza di coordinate bancarie e possibilità di accertamento telefonico di una (normalissima) referenza, senza dare adito a dubbi di sorta. Anche l'indirizzo di posta elettronica fornito non era un indirizzo freemail gratuito.

Ossia: se in passato i documenti presentati erano falsi, oggi la tendenza va sempre più verso i documenti autentici, ottenuti con la costituzione di nuove aziende a scopo di frode.

Cos'è dunque necessario controllare attentamente in via preventiva (senza garanzia)?

Verificate sugli estratti del Registro di commercio le modifiche introdotte alla struttura proprietaria e valutarle in modo critico. In Slovacchia, ad esempio, è possibile accedere gratuitamente via Internet ai registri pubblici del commercio seguendo il link: http://orsr.sk/default.asp?lan=en.

Anche in altri Paesi è prevista questa possibilità: procuratevi i dati di accesso e comunicateli al personale della vostra azienda.

Per il primo contatto, i criminali interessati a una commessa di trasporto sceglievano di solito il telefono, senza essere iscritti a una borsa trasporti. L'iscrizione è infatti spesso possibile solo dopo almeno sei mesi dalla data di costituzione dell'azienda. Le borse trasporti dispongono di svariate possibilità di verifica della sicurezza e dell'identità dei propri iscritti e candidati. Le nuove iscrizioni su questi portali vengono sottoposte a verifica della plausibilità da parte del gestore del sito. Assicuratevi che anche la vostra azienda sia iscritta a una borsa trasporti.

Considerato tuttavia che la sola iscrizione a una borsa trasporti non offre una protezione sufficiente nel caso dell'acquisizione dei diritti di proprietà di un'azienda esistente da tempo, sarà necessario ricorrere ad altre misure.

Evitate di affidare incarichi ad aziende presenti sul mercato da meno di 12 mesi, soprattutto per carichi delicati come quelli di liquori, elettronica di consumo, smartphones, accessori PC, abbigliamento di marca, pneumatici, rame ecc.

E non affidate mai incarichi di trasporto merce a rischio ad autotrasportatori che non vi siano ancora noti. Se assolutamente impossibile da evitare, almeno non affidate mai più di un solo carico a una sub-impresa. Buona norma è affidare carichi delicati solo a partner noti e con cui si collabora da anni.

Anche se oggi si tende sempre più a servirsi degli apparecchi mobili per le telefonate, le imprese commerciali dovrebbero ancora avere, nei diversi Paesi, un telefono fisso. Chiedetelo e verificate che sia presente nell'intestazione dell'azienda.

Le aziende serie dovrebbero inoltre avere carta intestata. Chiedete che vi sia mostrata l'intestazione.
Molti di voi avranno già accantonato il fax, ma continuate a preferirlo per l'invio dell'ordine di trasporto e chiedete che vi sia confermato via fax, in modo da agevolare il rintraccio.

Se gli ordini vi arrivano direttamente dalle imprese caricatrici, l'aspetto andrà tenuto in debita considerazione chiedendo a queste, in quanto committenti diretti, adeguate misure a protezione della merce di valore, in modo da poter garantire in ogni momento la possibilità di seguire la spedizione. Anche e soprattutto quando a darvi gli incarichi sono aziende di spedizione, cercate di definire con loro come gestire al meglio questi aspetti.

Ricordiamo che solo la combinazione di diverse misure di contrasto può offrire un'efficace protezione contro i furti e le appropriazioni indebite dei carichi.

Il noto naturalista Darwin osservava già parecchio tempo fa che a sopravvivere è soprattutto la specie capace di adattarsi ai cambiamenti. I criminali hanno già dato prova della propria capacità di adattamento ai processi di verifica in atto. Rivedete anche voi periodicamente i vostri schemi di verifica, contrastando per tempo le azioni dei truffatori.

 

Per ulteriori informazioni non esitate a contattare lo staff di Asko, sempre a Vostra disposizione.